12 Aprile 2024
Cultura e Società

Ecco i Vespasiani 2.0, i nuovi bagni pubblici di Roma

Il Vespasiano a Roma si rifà il look. Arrivano nella Capitale i bagni pubblici 2.0. Si rinnova quindi una delle tradizionali presenze nelle strade romane. Sono disponibili i primi tre, realizzati dalla società P.Stop, con la l’obiettivo di fornire una gamma di servizi igienici all’altezza di un capitale europea, ma che diventeranno presto undici.

Al loro interno sono presenti distributori di acqua e snack, ma anche prodotti parafarmaceutici, come cerotti e pannolini. Sarà possibile accedere ai bagni pagando un euro. I nuovi vespasiani sono forniti di un servizio fisso di pulizia. Invece al loro interno si trovano dei fasciatoi per cambiare i più piccoli e un water ad altezza di bambini.  I bagni pubblici di Roma cambiano volto e i vecchi urinatoi diventano solo un ricordo. Ma cambiano anche volto a piazze e strade della città: in articolare a San Giovanni, dove al fianco dei servizi sono stati installati dei led dove scorrono dei messaggi informativi per turisti e cittadini.

Tra i primi ad essere completati ci sono quelli a Piazza di Spagna, oltre a quelli di Piazza Sonnino a Trastevere e Piazza della Città Leonina, vicino al Vaticano. A breve saranno operativi i punti di via Zanardelli, via Carlo Felice e in largo di villa Peretti a Termini, mentre entro ottobre si potrà usufruire dei servizi a Porta Maggiore, in via XX Settembre e in piazza Santa Maria Liberatrice.  Per i turisti sono previsti anche degli infopoint dedicati. Per quanto riguarda la localizzazione si sta studiando un’app che consenta di geolocalizzare il punto esatto in cui si trova il Vespasiano.