Europa League. La Roma ritrova il Gent: Il precedente risale all’edizione 2009-2010

Gli avversari dell’Inter saranno i bulgari del Ludogorets nei sedicesimi di Europa League. La squadra di Conte, retrocessa dalla Champions ed inserita in fascia 1, giocherà la gara di andata in trasferta il 20 febbraio (ore 18:55), ritorno a San Siro il 27 dello stesso mese (alle 21). Sorteggio positivo anche per la Roma che in fascia 2 rischiava un abbinamento con big come Manchester United, Ajax, Siviglia e Arsenal. La squadra di Fonseca affronterà i belgi del Gent. Andata all’Olimpico (21), ritorno in Belgio (18:55).

Il Ludogorets

Si è qualificato ai sedicesimi chiudendo il gruppo H al secondo posto con 8 punti, alle spalle dell’Espanyol. Bilancio: 2 vittorie, 2 pareggi e altrettante sconfitte. I bulgari hanno eliminato gli ungheresi del Ferencvaros e il Cska Mosca. Sono in testa al campionato bulgaro davanti al Levski Sofia. Hanno annunciato il cambio in panchina: via Stanislav Genchev, al suo posto il ceco Pavel Vrba. Il brasiliano Cicinho, ex Santos, è il giocatore più rappresentativo della squadra; anche il portiere Renan, dal doppio passaporto brasiliano e bulgaro, è un buon elemento. Di brasiliani in squadra ce ne sono in tutto sei. L’attaccante israeliano-congolese, Mavis Tchibota, classe 1996, garantisce peso e dinamismo. Il livello complessivo della squadra è alla portata della squadra di Conte.

Il Gent vecchia conoscenza in Europa League

Il precedente per la Roma risale all’edizione 2009-2010, terzo turno preliminare. I giallorossi vinsero 3-1 all’Olimpico e 7-1 in Belgio con tripletta di Totti e doppietta di De Rossi. Il Gent ha chiuso il Girone I di qualificazione al primo posto, con 12 punti, da imbattuto (3 vittorie e altrettanti pareggi): 11 i gol fatti e 7 quelli subiti. Alle spalle dei belgi si sono piazzati i tedeschi del Wolfsburg, i francesi del Saint-Etienne e gli ucraini dell’Oleksandria. Il Gent è guidato dal danese Jess Thorup, 49 anni, che si affida al 4-4-2 e alle giocate di Roman Jaremcuk, ex Dinamo Kiev, classe 1995. La squadra, un mix di freschezza ed esperienza, arriva dai preliminari del torneo, dove ha eliminato nell’ordine il Viitorul Constanta, l’Aek Larnaca e il Rijeka.

Gli accoppiamenti (sorteggio ottavi il 28 febbraio)

Wolverhampton (Eng) – Espanyol (Esp)

Sporting Lisbona (Por) – Basakshehir (Tur)
Getafe (Esp) – Ajax (Ned)
Bayer Leverkusen (Ger) – Porto (Por)
Copenhagen (Den) – Celtic (Sco)
Apoel Nicosia (Cyp) – Basilea (Sui)
Cluj (Rou) – Siviglia (Esp)
Olympiacos (Gre) – Arsenal (Eng)
Az Alkmaar (Ned) – Lask Linz (Aut)
Bruges (Bel) – Manchester Utd (Eng)
Ludogorest (Bul) – INTER (ITA)
Eintracht Fr. (Ger) – Salisburgo (Aut)
Shakthar Donetsk (Ukr) – Benfica (Por)
Wolfsburg (Ger) – Malmoe (Swe)
ROMA (ITA) – Gent (Bel)
Rangers (Sco) – Braga (Por)