Le regionali di maggio slitteranno a metà ottobre: domani l’ufficialità

E’ tutto stabilito. A seguito dell’emergenza covid-19 anche la politica si ferma. La tornata di elezioni regionali ed amministrative previste per il mese di maggio slitterà all’autunno.

È quanto previsto nella bozza di decreto all’esame del CdM in programma domani. Il decreto contiene anche la norma sul golden power e l’estensione della sospensione dei termini per il processo civile.

Dopo un lungo confronto all’interno della maggioranza, confortato dal parere del Comitato tecnico scientifico, il Governo Conte ha stabilito che non ci sono le condizioni per svolgere le consultazioni per il rinnovo dei governi di Liguria, Veneto, Marche, Toscana, Campania e Puglia e di numerosi consigli comunali. La data non è stata ancora fissata ma è probabile che il voto verrà rinviato alla seconda metà di ottobre.