Storia e caratteristiche dell’astrologia

Oggi, prende sempre più piede l’astrologia in linea. La moderna astrologia sul web è l’erede tecnologica di un’antica disciplina dalla forte connotazione religiosa.

In questo articolo, scoprirai un po’ di storia, curiosità, caratteristiche di quella che viene definita ancor oggi una pseudo-scienza. Una definizione che, anticamente, avrebbe suonato come un’offesa.

Nessuno può, tuttora, definire appieno ciò che si nasconde dietro a questa disciplina studiata fin dall’antichità.

Gli esseri umani sono strettamente legati alla disposizione degli astri. Basti pensare agli effetti generati su di noi dalla maggiore o minore distanza della Luna (il nostro unico satellite): tempi del parto, sonno agitato, minore o maggiore crescita di capelli e unghie.

E’ qualcosa che, razionalmente, non si può afferrare.

Astrologia, cartomanzia e psicologia parlano per vie indirette, per simboli.

Astrologia: dalle caverne ai giorni nostri

Da secoli l’uomo studia gli astri nel tentativo di interpretare i segnali, di afferrare i messaggi attraverso l’antica disciplina dell’astrologia.

L’iniziale prova delle pratiche astrologiche è rappresentata da alcuni disegni sulle pareti delle caverne. I cicli delle fasi lunari venivano annotati fin dal 23-25 mila a.C.: da allora, l’uomo registra l’influenza della Luna sul corso delle maree e sui fiumi.

Si trovano tracce di questo magico rapporto con i misteriosi abitanti del cielo in civiltà come quella degli antichi Egizi, dei Babilonesi e dei Maya. Civiltà evolute, impegnate a porsi domande e cercare risposte al di là della banale evidenza.

Per queste civiltà, lo studio di stelle e pianeti e delle loro influenze sulla vita umana rappresentava qualcosa di importante, significativo, prezioso.

L’astrologia egiziana e babilonese avevano una forte connotazione religiosa: il loro zodiaco era molto diverso da quello attuale. Fu essenziale il contributo del pensiero filosofico greco che impose lo studio degli elementi e dei cicli della vita.

I sacri sacerdoti sapevano estrapolare dai segnali dei corpi celesti e dagli astri risposte essenziali ai quesiti cruciali della vita.

Dall’incontro dell’astrologia asiatica occidentale col pensiero greco occidentale (Aristotele, Platone) emerse l’astrologia occidentale moderna.

L’esperienza e la conoscenza millenaria degli antichi esploratori dei cieli è giunta fino a noi con il nome di Astrologia.

Perfino i padri dell’astronomia moderna (Galileo Galilei, Keplero) furono attratti da questa affascinante disciplina praticando l’attività di astrologo.

Astrologia e Oroscopo

Spesso, si confonde l’Astrologia con l’Oroscopo. Quest’ultimo è solo una parte dell’Astrologia: interpreta l’influenza degli astri sulla vita dell’uomo.

Ognuno di noi viene classificato in base al proprio Segno Zodiacale derivante dallo Zodiaco la cui ruota è caratterizzata dalla distinzione in 12 segni del percorso effettuato dal Sole nei 365 giorni dell’anno.

I 12 segni zodiacali coincidono con le 12 costellazioni astronomiche: hanno nomi diversi e prevedono un’ascendente calcolato con l’ora di nascita.

Astrologia, cartomanzia e psicologia: punti in comune

Gli astrologi, come del resto i cartomanti, sanno che è importante conoscere il destino quel poco che basta per rendere le nostre azioni più consapevoli, il nostro arbitrio più libero e determinato.

C’è qualcos’altro che accomuna l’arte divinatoria dei Tarocchi con la lettura astrologica. Entrambi i metodi si basano sull’anno di nascita del consultato. Le due discipline possono completarsi tra loro oppure prendere strade diverse, ma il punto di partenza è lo stesso: l’anno di nascita della persona consultata.

Astrologia e psicologia hanno qualcosa in comune con la cartomanzia: sono discipline non razionali. Non si inseriscono nella sfera delle discipline razionali ma tra quelle basate sull’analogia e sulla lettura dei simboli.

Il cartomante chiede a tarocchi e sibille, l’astrologo alle stelle, lo psicoterapeuta analizza i simboli onirici. Psiche e inconscio, in fondo, lanciano messaggi per vie indirette, simboliche.