24 Giugno 2024
Economia e Finanza

Blockchain: la tecnologia della prossima rivoluzione dal cuore dei Bitcoin

Bitcoin è una valuta elettronica creata tra il 2008 e il 2009 da un misterioso studioso di crittografia, conosciuto solo dal suo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. A partire dal 2013, anno in cui il suo valore di mercato è cresciuto notevolmente (e successivamente si è stabilizzato su valori più bassi), il “fenomeno Bitcoin” è diventato noto anche al grande pubblico.

Pur rimanendo oggetto di giudizi controversi, per alcuni anni Bitcoin è in effetti diventata una vera moneta alternativa a quelle ufficiali: con Bitcoin si effettuano scambi economici reali con un valore di transazione giornaliero dell’ordine di alcune centinaia di milioni di dollari equivalenti.

Bitcoin è studiato e osservato dai principali attori finanziari mondiali; il suo potenziale dirompente risiede nella sua natura “distribuita democraticamente”: a differenza delle valute tradizionali in circolazione, Bitcoin funziona senza la necessità di alcun ente del governo centrale. Il complesso meccanismo che sovrintende al funzionamento di Bitcoin è stato studiato a priori e ora agisce come una sorta di intelligenza autonoma alimentata da centinaia di migliaia di nodi peer distribuiti in tutto il mondo e connessi a Internet (per approfondire il funzionamento e le caratteristiche di Bitcoin)

Per quanto il Bitcoin stesso sia un esperimento finanziario e sociale molto interessante, non è Bitcoin di cui vogliamo parlare in questo articolo. Piuttosto, vogliamo suggerire di prestare attenzione a un potenziale, di enorme interesse in vari campi della nostra vita e organizzazione sociale, che l’esperienza Bitcoin si rivela definitivamente concreta e realizzabile. Per sapere più clic sul bit qs.

Concentrati su ciò che vogliamo trattare, è necessario considerare il fatto che una transazione, un pagamento, effettuato in valuta Bitcoin è sotto tutti gli aspetti un passaggio di informazioni digitali (un codice, un file) da un proprietario all’altro. In effetti, anche un pagamento bancario in euro non è così diverso: la stragrande maggioranza delle transazioni in euro non viene effettuata fisicamente con scambi di banconote o monete, ma con crediti elettronici da un conto all’altro.

La differenza radicale è che la garanzia di legittimità e correttezza del pagamento in euro è ottenuta attraverso un lento e costoso sistema di autorizzazioni e controlli, che in ultima analisi appartiene alle banche centrali; nel caso dei Bitcoin, si ottiene un livello di garanzia e sicurezza sulla validità e correttezza della transazione simile o superiore, senza la necessità di un sistema di controllo e garanzia centralizzato.

Bitcoin dimostra quindi che è possibile sviluppare sistemi automatici, veloci ed economici basati sull’interazione di peer che condividono semplicemente le regole e il protocollo di comunicazione, per rendere “scarso” ciò che per sua natura è ripetibile indefinitamente senza la possibilità che possiamo distinguere l’originale dalle sue copie, o ottenere la garanzia di poter rendere un contenuto digitale unico e irripetibile.

Nelle società moderne, la garanzia di proprietà di gran parte delle attività materiali, già oggi e sempre più in futuro, consiste in registrazioni elettroniche su sistemi gestiti da fiduciari o enti di garanzia. Questi sistemi, oltre ad essere complessi e costosi per la comunità, sono soggetti a rischi significativi di errore, corruzione o frode.

Considera, ad esempio, che, nella maggior parte dei paesi meno sviluppati, il livello del contenzioso sugli acquisti di proprietà è molto elevato con enormi costi sociali: il sistema che dovrebbe garantire che tu possa vendere una proprietà solo se la possiedi e che un la proprietà non può essere venduta più di una volta, è terribilmente inaffidabile in quanto mal organizzata e ampiamente soggetta a corruzione.

Abbiamo preso l’esempio del registro delle transazioni immobiliari, lo stesso potrebbe essere fatto per il registro delle proprietà di motocicli, automobili, barche, per un portafoglio azionario o per qualsiasi altro registro pubblico delle singole proprietà.

La possibilità di rendere unica e certa una transazione elettronica tra parti diverse consente anche altre applicazioni interessanti come la possibilità di “spendere” i propri diritti elettorali in un modo certo e trasparente.

La tecnologia che abilita tutti questi potenziali rivoluzionari si chiama Blockchain.

La blockchain tecnicamente consente di sostituire molte istituzioni centrali con una rete orizzontale e aperta di peer. Grazie a una chiave personale, i Bitcoin possono essere spesi, poiché conducono all’indirizzo in cui è possibile effettuare una transazione. Per inviare un Bitcoin o riceverlo, è necessario che la chiave e l’indirizzo coincidano e si “conoscano”.