Ladispoli sotto choc: bulgaro uccide la compagna facendola a pezzi

La città di Ladispoli è sotto choc. Un bulgaro di 36 anni è stato arrestato per un efferato delitto. Lo straniero ha ucciso la compagna e poi ha messo il cadavere in una valigia dopo averlo fatto a pezzi. I Carabinieri della compagnia di Civitavecchia l’hanno arrestato con l’accusa di omicidio e vilipendio di cadavere.

Il bulgaro, pregiudicato, residente a Ladispoli, è finito in manette in esecuzione di mandato europeo, per i reati di omicidio e vilipendio di cadavere. L’attività investigativa è stata svolta dai Carabinieri della stazione di Ladispoli, su attivazione della direzione centrale di polizia criminale – Sirene. I militari hanno rintracciato il trentenne al centro di un mandato di arresto europeo dopo aver commesso l’omicidio in Bulgaria nel gennaio 2020.

Le indagini avevano infatti fatto emergere nei propri confronti gravi indizi in ordine all’omicidio della compagna e il successivo vilipendio del cadavere, nascosto in una valigia. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Rieti a disposizione dell’Autorità giudiziaria.