L’inattività fisica aumenta la probabilità di ammalarsi gravemente e morire per Covid

Il British Journal of Sports Medicine ha pubblicato uno studio che collega l’inattività fisica con una maggiore probabilità di ammalarsi gravemente e morire per Covid, superata solo come fattore di rischio dall’età avanzata e dal trapianto di organi. I ricercatori sono stati guidati da Robert Sallis del centro medico Kaiser Permanente in California (Stati Uniti).

Lo studio ha preso in analisi i dati di 48.440 cittadini che hanno sofferto di Covid tra gennaio e ottobre 2020, al fine di scoprire se ci fosse una relazione tra la mancanza di esercizio ricoveri ospedalieri, gravità dell’infezione e decessi. Il campione aveva un’età media di 47 anni, il 62% erano donne e tutti erano in sovrappeso, sottolineano gli autori.

La metà dei pazienti non soffriva di alcuna patologia precedente, il 18% ne aveva solo una e il 32% ne aveva due o più. Tutti avevano segnalato il proprio livello di attività fisica regolare in almeno tre visite mediche tra marzo 2018 e marzo 2020, essendo considerati “inattivi” coloro che facevano meno di 10 minuti di esercizio a settimana; “un po ‘inattivo” al di sotto di 149 minuti e “attivo” che ha esercitato più di 150 minuti a settimana. Il 7% è stato classificato come attivo, il 15% come inattivo e il resto un po ‘attivo.

Gli autori hanno scoperto che le persone inattive avevano il doppio delle probabilità di essere ammesse rispetto alle persone attive, 2,5 volte il rischio di morire a causa dell’infezione da Covid e il 73% in più di probabilità di richiedere cure intensive. Rispetto ai cittadini classificati come “un po’ attivi”, l’inattivo aveva un rischio maggiore del 20% di essere ricoverato in ospedale, un rischio maggiore del 10% di richiedere cure intensive e un rischio maggiore del 32%.