Proposte di viaggio: Diamante occupa un posto nella lista delle Città dipinte

Viene considerata una perla del Tirreno. È Diamante, cuore della Riviera dei Cedri. La località marittima è una delle più caratteristiche della Calabria. Qui si ammirano vecchie case a picco sul mare tra stretti vicoli che si diramano e che conducono in punti panoramici mozzafiato.

Dalle terrazze panoramiche si può ammirare l’isola di Cirella. Il centro storico di Diamante regala un’esperienza unica ad iniziare dai suoi murales e dai caratteristici scorci del borgo marinaro. I murales di Diamante  sono spettacolari. Basta alzare lo sguardo verso la parte alta degli edifici per scorgere delle opere d’arte. Ogni vicolo racconta una storia e ogni casa, con il suo murales, rappresenta uno spezzone, una vignetta di quella storia. Queste opere si devono a Nani Razzetti. Il pittore propose ai diamantesi di avviare un progetto per rivalorizzare il centro storico, ma facendo il tutto in modo originale e senza danneggiare l’estetica semplice e antica delle abitazioni. Ecco l’idea dei murales. Nel giugno del 1981 più di 80 pittori italiani e stranieri giunsero in questo piccolo paese ed iniziarono ad abbellirlo con la loro arte. I muri del centro storico si trasformarono in grandi tele e oggi Diamante è considerato un vero e proprio museo a cielo aperto. Grazie ai suoi Murales Diamante occupa un posto nella lista delle “Città dipinte”.

La vicina località di Cirella è suggestiva. Qui è possibile visitare i ruderi dell’antica Cirella, nata tra l’800 e il 1000 d.C., dove la storia avvolge tutto e dove il castello fatto costruire dal principe Carrafa nel XVIII secolo e i resti del convento di San Francesco di Paola dominano questa piccola porzione di territorio ricca di antichi gioielli. Di fronte, in tutta la sua naturale bellezza, si mostra l’Isola di Cirella, che è possibile raggiungere facilmente dalla spiaggia antistante o dal porticciolo di Diamante. La macchia mediterranea, con i suoi colori intensi, ricopre tutta l’isola, alla cui sommità si trovano i ruderi di una torre costiera di avvistamento fatta costruire dai Vice Re di Napoli. Alle spalle di Diamante si trova il Parco Corvino, oasi naturale della valle del fiume Corvino. A pochi passi dal mare è possibile addentrarsi in un paesaggio tipicamente montano.

La località più gettonata di Diamante è Sabbia d’Oro che prende il nome dal colore dei granelli della finissima sabbia che risplendono sotto i raggi del sole e prendono il colore del prezioso metallo. Tra le manifestazioni da non perdere il Festival del Peperoncino, ricco di tradizioni e che dal 1992 fa registrare un numero sempre crescente di presenze. Il centro storico si riempie di stand dove è possibile assaggiare qualsiasi piatto a base di peperoncino, ma anche gustose pietanze della tradizione culinaria locale.