Il Teatro Sistina avvia le pratiche di rimborso

Il Teatro Sistina avvia il rimborso dei biglietti. Al via da oggi, lunedì 8 giugno, le pratiche di rimborso. Dopo mesi di attesa per ricevere definitiva chiarezza attorno alla possibilità di potere effettuare i rimborsi dei titoli di acquisto non usati a causa dell’emergenza coronavirus, è arrivata la conferma che il Teatro può procedere a ristorare monetariamente l’acquirente, senza essere obbligati a emettere i voucher della durata di 18 mesi.

“Si precisa, infatti, che il gestore/organizzatore – si legge in una nota – non sarebbe stato nella possibilità di compiere autonomamente l’operazione senza l’approvazione da parte della Siae, che a sua volta risponde a indicazioni precise dell’Agenzia delle Entrate, essendo il biglietto di acquisto un titolo fiscale a tutti gli effetti”.

“Sin da subito il Sistina – conferma il Direttore Massimo Romeo Piparo – ha inteso offrire allo spettatore la facoltà di scegliere il tipo di ‘ristoro’ del proprio acquisto non goduto proponendo il rimborso monetario immediato. Sul nostro sito e sui canali social di comunicazione, abbiamo apposto subito chiaramente una nota informativa che ufficializzava quale fosse la volontà della nostra gestione. Sono fermamente convinto che lo spettatore debba essere proprietario unico e incondizionato dei propri soldi. E’ nostro dovere renderli immediatamente disponibili, soprattutto in un momento così emergenziale come quello che abbiamo vissuto e continueremo a vivere. Sono molto contento che finalmente, anche grazie ad alcune sacrosante precisazioni che giungono dal fronte dell’Autorità Europea, il rimborso monetario inizi a essere compreso come diritto sacrosanto del consumatore”.