Parte degli alunni dell’I.C. Ovidio alla Balduina ospiti delle Maestre Pie Filippini

Soluzioni creative nella Capitale dove un istituto di suore dismesso con aule vuote da un decennio va in soccorso di una scuola pubblica alle prese con il distanziamento sociale per la ripresa di settembre. Grazie ad un accordo tra il Campidoglio e il Vicariato, e a una raccolta fondi tra i genitori, una gran parte degli alunni (300 su 800) affronterà il nuovo anno scolastico nell’altro edificio, lasciando la ‘vecchia’ scuola più sgombra e quindi in regola con le norme anti-Covid.

Il caso riguarda Trionfale, quartiere nord di Roma, dove oggi è andata in visita il sindaco Virginia Raggi.
L’istituto è quello delle Maestre Pie Filippini; la scuola pubblica è l’I.C. ‘Ovidio’ alla Balduina, una grande struttura che ospita a regime, tra elementari e medie, 800 bambini del quartiere. Troppi, si rende conto metro alla mano nel corso dell’estate la preside Claudia Ghio. Troppi per entrare tutti a scuola e rispettare la distanza di legge. Da qui la soluzione creativa che assicurerà il regolare inizio del nuovo anno scolastico.