Ciro Immobile, Lucas Leiva e Thomas Strakosha sono davvero positivi

C’è un altro laboratorio che ha certificato la positività di Ciro Immobile, Lucas Leiva e Thomas Strakosha. Un risultato che getta un’ombra sull’unico test effettuato nel laboratorio di Avellino (da maggio serve la Lazio) che aveva dato esito negativo per i tre giocatori. Era quello effettuato una settimana fa e che aveva permesso a Immobile di giocare e segnare domenica contro il Torino.

La Lazio come sempre ha effettuato i tamponi molecolari per il campionato con Futura diagnostica, il laboratorio avellinese di Walter Taccone, ex presidente dell’Avellino. Ma, quasi come delle controanalisi, alcuni giocatori sono stati sottoposti a tampone anche con un laboratorio terzo: il Campus Biomedico di Roma.

Quei test hanno certificato quello che aveva già detto il test Uefa: Immobile, Leiva e Strakosha sono positivi al Covid. Dal momento che l’Istituto superiore per la sanità non fa distinzione tra positivo o debolmente positivo e che si tratta del terzo tampone che fornisce lo stesso esito, la questione si fa complessa. I tre non potranno giocare domenica contro la Juve.

Dovrà essere chiarito cosa sia successo una settimana fa, quando dopo un test positivo per la Uefa, erano subito tornati negativi per il campionato, salvo poi manifestare nuovamente positività all’Uefa e ora al Campus. Martedì Immobile si è allenato con la squadra giocando anche la partitella, tra le riserve. La Lazio conosceva già l’esito dei test e per questo rischia una penalizzazione in classifica. Ma se mai risultassero irregolarità nel tampone di una settimana fa (nel caso tutta da dimostrare) il rischio è più alto. Lotito nelle prossime ore farà eseguire delle contro analisi e nel frattempo farà tutto quello che è nelle sue possibilità per fare in modo che tutti i test ai calciatori vengano effettuati presso un unico laboratorio centralizzato.