Ultime dalla Giunta Gualtieri: parcheggio El Alamein, Premio Strega, autodemolitori

Parte la riqualificazione del parcheggio El Alamein in largo Caduti di El Alamein (VII Municipio): la Giunta capitolina ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica degli interventi di manutenzione straordinaria. Il parking, con i suoi 139 posti auto e 28 posti moto, è un’infrastruttura preziosa come parcheggio di scambio e per i cittadini di tutto il quadrante. L’intervento si inserisce nel piano complessivo di valorizzazione e recupero delle aree di sosta, settore fondamentale per riattivare il sistema della mobilità cittadina. Prima del parcheggio El Alamein sono state sbloccate opere come i parcheggi di Lungotevere Arnaldo da Brescia, di Cornelia e Piazzale della Radio. Approvate inoltre, lo scorso 17 giugno, le linee guida del nuovo Piano Urbano Parcheggi, in cui vengono definiti i criteri e le regole per l’individuazione delle aree di sosta.

Nella stessa seduta di venerdì 29 luglio la Giunta ha approvato una delibera che prevede la firma di un protocollo d’intesa per la concessione, alla Fondazione Goffredo e Maria Bellonci, di un contributo straordinario di 50.000 euro annui – per i prossimi tre anni – per sostenere la realizzazione delle edizioni 2023, 2024 e 2025 del Premio Strega. Roma Capitale e Fondazione Bellonci riprendono quindi a collaborare per l’organizzazione del premio. Una sinergia che è il segno dell’eccezionale rilevanza pubblica dello Strega per Roma, che ne ospita la serata conclusiva dal 1953 al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e che vede coinvolti, nel processo di votazione, quindici circoli di lettura istituiti presso le biblioteche capitoline. Nato a Roma nel 1947 e riconosciuto come uno dei più prestigiosi premi letterari nazionali, il Premio Strega gode di fama consolidata non solo in Italia e catalizza ogni anno l’attenzione del pubblico e dei media.

La Giunta capitolina ha poi approvato una memoria che dà l’ok alle procedure per individuare nuovi siti in cui trasferire gli autodemolitori danneggiati dall’incendio di Centocelle del 9 luglio. Un apposito tavolo tecnico verificherà le compatibilità ambientali e il Dipartimento Urbanistica accerterà l’idoneità dei siti, in base alle prescrizioni del Piano Regolatore Generale. Obiettivo, realizzare centri di autodemolizioni in linea con i migliori standard di efficienza e sostenibilità.